L'edilizia rurale

Lungo le vallate dei due torrenti Munita e Ponzo si conservano antiche testimonianze di edilizia rurale come mulini, lavatoi, senie, gebbie, jazzi e masserie; i vari manufatti sfruttavano la pendenza del terreno per distribuire l’acqua.

Le senie o nore in particolare, erano dei pozzi di origine araba per l’estrazione dell’acqua dal sottosuolo.  Il congegno era a trazione animale e utilizzava un complesso meccanismo d’ingranaggi a ruote dentate; un nastro ruotava verticalmente portando con sé delle vaschette o brocche che arrivate in fondo al pozzo si riempivano e risalendo travasavano l’acqua in una canaletta che confluiva in una grande vasca detta "gebbia" dall'arabo gorgo.